La storia

Fondato nel 1927, lo Sci Club Collio, si appresta a festeggiare 80 anni della sua storia. Queste "antiche" origini fanno del nostro club uno dei più longevi d'Italia. Nato per avvicinare i giovani residenti e villeggianti a questa nuova disciplina sportiva, il Collio ha attraversato tutta la storia dello sci italiano. Nei primi anni si organizzavano manifestazioni nei prati di Collio e S. Colombano. In seguito atleti locali cominciarono a partecipare a competizioni nei paesi vicini, Pezzoro, Prati di Vaghezza, Bovegno, fino a spingersi in stazioni per allora lontanissime come Ponte di Legno. Ancora oggi si ricordano i vecchi campioni nominati per nomignoli "Chi", "Guera", "Taina", "Baita" e altri. Si pratica lo sci alpino ma anche il fondo, il salto, la combinata nordica. Gli atleti di Collio sanno farsi valere e spesso riescono anche a vincere. A livello organizzativo il club sa farsi rispettare tanto che nel '68 vengono organizzati i campionati italiani di salto. Nel 70 arriva anche il primo titolo italiano nel salto con Raffaele Tavelli bissato dopo 12 anni nella prova di combinata nordica da Benito Olii. Ma è negli anni '80 che il Collio, sotto la presidenza del mitico Mauro Maggi, comincia a figurare stabilmente nell'aristocrazia dello sci nazionale. Due colliensi, Ivano Edalini e Alberto Ghidoni entrano a far parte della squadra nazionale, nell'82 Barbara Lazzari, vince i giochi .della gioventù bissati nell'86 e '88 da Alex Maggi. In questi anni si tenta di far ripartire il fondo (si propongono corsi .gratuiti) ma la richiesta è sempre per lo sci alpino, tanto che il club, di fatto si specializza in questa disciplina lavorando esclusivamente nel settore giovanile e promozionale.
Questa scelta dà i suoi frutti tanto che negli ultimi 10 anni gli atleti di Collio hanno vinto varie medaglie nelle rassegne tricolori (da ricordare i tre ori di Daniela Merighetti e il bronzo di Danny Gerardini negli allievi, l'oro agli aspiranti e i due argento agli italiani giovani di Daniel Bellardini). La società si aggiudica anche parecchi titoli regionali con i vari Botticini, Daniel Bellardini e Krizia, Danny Gerardini e Luca Venturi. Senza dimenticare la quantità di piazzamenti a livello nazionale e internazionale; non è facile dimenticare i quarti posti di Danny e Andrea Botticini. o l’ errore dello stesso sul traguardo del super, costato un'altra medaglia che ci sentivamo già in mano. Questi piazzamenti hanno fatto si che il club, nella speciale classifica del settore giovanile, risulti una delle prime società di Brescia.